A LEZIONE DI UNIVERSO: BARBARA NEGRI ALL’IC RAPALLO

Written by admin. Posted in News, Notizie home

Sul suo biglietto da visita c’è scritto “Responsabile Unità Esplorazione e Osservazione dell’Universo”, qualifica che lascia sognanti a immaginare lo spazio siderale e lei, signora delle stelle, che organizza le spedizioni degli astronauti come nei film di fantascienza. Liceo classico, una laurea in matematica, una in fisica più un master in ingegneria aerospaziale, Barbara Negri è ai vertici dell’Agenzia Spaziale Italiana, la nostra piccola Nasa, e si occupa di portare a buon fine le spedizioni in corso. A Rapallo per una conferenza allo Zonta Club, ha accettato volentieri l’invito rivoltole da alcuni genitori di tenere una “lezione speciale” ai ragazzi dell’IC Rapallo. Con piglio energico e linguaggio comprensibile da esperta divulgatrice, Barbara Negri ha raccontato agli alunni scopi e caratteristiche dei 14 programmi- di cui 12 in orbita – attualmente in fase di realizzazione: “Dalla Terra noi vediamo soltanto una banda di energia, che è quella visibile, tutto il resto è assorbito perché l’atmosfera terrestre fa da filtro – ha spiegato – Per questo dobbiamo andare oltre l’atmosfera per studiare la materia oscura, che è sempre materia ma non emette fotoni. Prima o poi la vedremo e ci permetterà di capire com’è nato davvero l’universo”. Per quanto nel nostro immaginario la Terra rivesta la massima importanza, la sua posizione nello spazio è piuttosto periferica: “La Terra fa parte di una galassia a spirale, noi siamo su un braccio esterno – il braccio di Orione – per così dire in periferia – ha chiarito la scienziata – È una fortuna che ci siamo formati lì perché se fossimo stati in una posizione più centrale avremmo rischiato di essere distrutti da collisioni di stelle o risucchiati in buchi neri. Il fatto di essere in una zona tranquilla ci ha permesso di evolverci”. La maggior parte degli esperimenti dell’ASI sono fatti sulla stazione spaziale, un autentico laboratorio scientifico che presto potrebbe essere sostituito da una base ancora più avveniristica: “Uno degli obiettivi della ricerca spaziale europea, americana e cinese – è costruire un “moon village”, una base luna con strutture gonfiabili in modo da poter partire di là per portare l’uomo su Marte negli anni Trenta”. A sentire lei non proprio una passeggiata, visto che sul pianeta rosso l’ambiente non è proprio quello che si dice confortevole: “Marte perché è un pianeta vicino (ci si arriva in sette mesi), è roccioso come la Terra e ha un minimo di atmosfera – spiega – ma l’astronauta è sottoposto a radiazioni e occorre studiare un sistema di protezione”. Da questo punto di vista Marte rappresenta un costante monito per i terrestri: “Alcuni scienziati dicono che tre miliardi di anni fa ci sono state tempeste solari talmente forti che hanno strappato le particelle della sua atmosfera, altri ipotizzano che si sia desertificato per lo stesso effetto serra che stiamo vivendo sulla Terra, noi a causa dell’inquinamento, su Marte per la probabile presenza di una grande attività vulcanica”. Quel che è certo è che su Marte ci sono residui di acqua, permafrost (terreno mescolato a ghiaccio) ai poli e un grande lago di acqua all’interno: “Nel 2020 la missione Exo Mars, finanziata dall’Italia per il 45%, scaverà nel sottosuolo di Marte con un trapano che contiene all’interno uno spettrometro. Arriveremo a due metri di profondità, perché in superficie le radiazioni hanno sterilizzato ogni cosa, alla ricerca di fossili o materiale organico per capire se c’è stata vita sul pianeta e se si potrà in futuro colonizzare”. Sulla lavagna elettronica scorrono immagini mozzafiato: il satellite Juno, la sonda Cassini, Titano (che ha molti liquidi come il metano ed è quindi un altro candidato per una futura colonizzazione), gli esopianeti scoperti dalla missione Keplero, che hanno dato origine ad una scienza nuova: “Oggi andiamo alla ricerca di pianeti simili al nostro anche al di fuori del nostro sistema solare”. “Guardate che bellezza” dice spessissimo la scienziata indicando ai ragazzi i particolari delle foto e dei video. Moltissime le domande dei ragazzi. Le nuove tecnologie sono vicine ad assicurare la vita su Marte? “Le tecnologie ci sono, come la stampante 3D che ci permetterà di costruire attrezzi direttamente sul pianeta, il problema è che ce le dobbiamo portare dalla Terra e questo non è così semplice”. E’ vero che la Terra finirà? “Sì, ma tra moltissimo, il rischio concreto è farla esplodere con un’esplosione atomica o desertificarla prima”. Quando ha deciso che avrebbe lavorato alle missioni spaziali? “A dodici anni. Se si usa il cervello si capisce molto presto che cosa non si vuole e cosa invece si vuole moltissimo e io volevo avere a che fare con i misteri dell’universo”. E’ mai stata nello spazio? “No perché si preferisce far partire militari che assicurano una maggiore precisione nell’eseguire le procedure. Sono ritenuti più affidabili degli scienziati, che ci metterebbero sicuramente la loro creatività!”. E’ stata dura studiare tanto? “No, perché amavo quello che studiavo e quindi mi sono sempre divertita”.  
facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmailby feather

ALL’IC RAPALLO IL VIOLINO DI AUSCHWITZ

Written by admin. Posted in News, Notizie home

Com’è tradizione, l’Istituto Comprensivo Rapallo celebra la Giornata della Memoria dedicando non soltanto il giorno del 27 gennaio – 74° anniversario della liberazione del Campo di concentramento di Auschwitz – ma un’intera settimana al ricordo della Shoah. In questi giorni i ragazzi e i loro insegnanti sono impegnati ad ascoltare testimonianze, guardare i grandi film dedicati al tema dell’Olocausto e discutere delle cause profonde di questo tragico evento che ha messo in discussione i fondamenti stessi della democrazia. La speciale settimana dell’Istituto ha avuto inizio mercoledì 23 gennaio con l’allestimento di una mostra sul tema della Shoah, con disegni, poesie, manifesti e plastici creati dagli alunni di tutte le classi della scuola media, piccoli capolavori di precisione storica che riproducono in scala il campo di concentramento di Auschwitz e i suoi particolari (come una delle migliaia di valigie conservate nel museo del campo riprodotta fedelmente dai ragazzi). Fino a giovedì 31 gennaio i locali dell’Istituto resteranno aperti al pubblico per permettere la visita. I lavori più significativi verranno premiati a cura dell’associazione culturale Tigulliana. La mattina di lunedì 28 gennaio, per gli studenti delle classi terze delle medie, si terrà un incontro con Bice Parodi, figlia della deportata Piera Sonnino, testimone della Shoah italiana e autrice nel 1960 di un memoriale sulla sua esperienza di sopravvissuta al campo di concentramento di Auschwitz. La famiglia Sonnino, genovese, fu costretta ad affrontare i primi ostacoli e discriminazioni conseguenti alle leggi razziali: l’abbandono degli studi, la disoccupazione forzosa, l’indigenza economica. Protetta dalla solidarietà e dall’umanità della gente comune dell’entroterra ligure, la famiglia scelse di rimanere unita invece di smembrarsi in cerca di salvezza oltre il confine svizzero. Con l’arrivo ad Auschwitz i Sonnino sprofondarono in “un mare di fango. Una pazzia gelida, buia, fangosa”. Piera fu l’unica a tornare. Nel pomeriggio, alle ore 16.30, la scuola si aprirà alla città per presentare una commemorazione delle vittime dell’Olocausto attraverso un recital in cui i brani musicali curati dai docenti di Strumento e di Canto Corale si intervalleranno alle letture tratte da “Il violino di Auschwitz” della scrittrice Premio Andersen Anna Lavatelli, in una speciale riduzione curata dalle docenti Paola Lanzola e Sabrina Merani. Si tratta della storia di uno strumento musicale fabbricato dal liutaio Colin Mezin e venduto a Torino a Edgardo Levy, che lo acquistò per donarlo alla figlia Eva Maria. Il violino è conosciuto per essere uno strumento della Shoah, in quanto è stato portato ad Auschwitz e qui fu tra quelli utilizzati nell’orchestra del campo. Le classi quinte della scuola elementare “Pascoli” hanno ascoltato le testimonianze di Giorgio Scocco figlio di un ex deportato rapallese che dal campo di concentramento di Gotha scrisse un diario, e di Letizia Teglio, nipote dell’aviatore che salvò dai nazisti migliaia di ebrei. “Ormai sono pochi i sopravvissuti ancora viventi, così diventa importante passare la testimonianza alle nuove generazioni evitando le ritualizzazioni banalizzanti ma dando voce a chi può portare una testimonianza viva e autentica – dice il Dirigente Scolastico Giacomo Daneri – Per questo abbiamo deciso di celebrare quest’occasione all’insegna del racconto  perché attraverso le storie si possono spiegare anche concetti difficili come la discriminazione e il genocidio. In un momento storico in cui si alzano nuovi reticolati, invitiamo i giovani a fuggire il pregiudizio, il razzismo e il ragionamento per stereotipi trasmettendo loro l’importanza di valori assoluti come la libertà, la democrazia e il rispetto delle differenze”.facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmailby feather

PROVE INVALSI 2019: informativa e modulo per il consenso al trattamento dei dati

Written by admin. Posted in Area genitori, News

Ai genitori degli allievi delle classi terze Secondaria Ai genitori delle classi seconde e quinte Primaria Per l’effettuazione delle prove INVALSI nelle classi seconde e quinte della Primaria e delle classi terze della Secondaria, l’Istituto INVALSI chiede agli Istituti scolastici di raccogliere delle informazioni di contesto presso le famiglie, compilando il modulo riguardante informazioni sul titolo di studio e la professione dei genitori dell’allieva/o. Vista l’estrema semplicità della compilazione si richiede con estrema urgenza di compilare il modulo e il consenso al trattamento dei dati e di restituirlo al coordinatore di classe (Secondaria) o alle maestre (Primaria), anche attraverso gli allievi, entro e non oltre giovedì 31 gennaio. ATTENZIONE: sul modulo va indicato nome e cognome dell’allievo/a. Si ringrazia per la collaborazione. Informativa Modulo da compilare con informazioni Consenso al trattamento dei datifacebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmailby feather

LA BOTTEGA DEI CYBERTALENTI: L’IC RAPALLO PRIMA SCUOLA IN LIGURIA PER INNOVAZIONE

Written by admin. Posted in News, Notizie home

Primi in Liguria, ventunesimi in tutta Italia su oltre cinquemila scuole partecipanti. L’Istituto Comprensivo Rapallo ottiene dal MIUR un finanziamento di 20.000 euro per il suo progetto La bottega dei cybertalenti, finalizzato alla realizzazione di ambienti didattici innovativi. Il bando premia i progetti che si propongono di riprogettare gli ambienti scolastici con soluzioni flessibili, adeguate a processi innovativi di apprendimento, ripensando le attività tradizionali in senso laboratoriale e collaborativo e sfruttando le potenzialità delle nuove tecnologie. La bottega dei cybertalenti, il progetto presentato dall’IC Rapallo, si propone di ridisegnare alcuni spazi dell’Istituto, tra cui la Biblioteca, facendone officine creative, “botteghe” nel senso leonardesco del termine, in cui le nuove e nuovissime tecnologie sono impiegate per stimolare la creatività anche digitale degli allievi, coinvolgendoli nell’esperienza del ricercare, creare, presentare, interagire e sviluppare. Come un apprendista a bottega nel Rinascimento, così l’allievo, con diverse esperienze, diventa ricercatore e protagonista del suo sapere. La biblioteca scolastica, già ora l’ambiente prediletto dagli alunni della scuola per il suo arredamento colorato e accogliente, sarà arricchita da un video touch 65’’, sedute morbide, nuovi computer e tablet a disposizione dei ragazzi per i lavori di gruppo. In altri spazi verranno realizzati un Fab lab, con diversi strumenti (scanner 3D, stampante 3D, laser cutter, plotter da taglio, ecc) utili a progettare e realizzare oggetti, anche in 3D; uno spazio per la robotica educativa e il coding; uno studio di registrazione per produzione di materiali audio a uso ciechi, ipovedenti, studenti con DSA. Ma il progetto non riguarderà solo la ristrutturazione degli spazi o l’acquisto di nuove dotazioni, ma anche la formazione dei docenti: si prevede l’uso del tablet nella didattica e del laboratorio linguistico e relative metodologie da impiegare (classe rovesciata, peer to peer, apprendimento collaborativo), l’uso del coding e della robotica educativa e delle conseguenti ricadute didattiche, l’impiego di programmi per la progettazione e la stampa di oggetti in 3D.  “E’ stata una grande emozione leggere il nome del nostro Istituto tra i primi in Italia – commenta Giacomo Daneri, dirigente scolastico dell’IC Rapallo – A questo progetto abbiamo lavorato ascoltando le esigenze e i desideri di docenti e alunni, osservando come si lavora meglio in ambienti informali, accoglienti e pensati per stimolare la creatività dei ragazzi. Hanno assicurato il loro contributo anche il Comitato Genitori e il Lions Club Rapallo che sosterranno economicamente l’iniziativa, e il Comune di Rapallo, che darà un supporto importante per l’infrastruttura della rete Internet. Si tratta dunque ancora una volta del risultato di un lavoro di squadra”. “C’è un rapporto istituzionale tra Comune e scuola, per cui il primo garantisce alla seconda il funzionamento, provvedendo alle spese generali e alla manutenzione. Ma – sottolinea Filippo Lasinio, Consigliere con delega all’Istruzione – tra la nostra Amministrazione e l’IC Rapallo si è instaurato in questi anni un rapporto di fiducia e di proficua collaborazione, allo scopo di migliorare sempre più l’offerta formativa per gli alunni; sono stati diversi gli interventi di supporto nei confronti della scuola per la realizzazione di vari progetti, sia per il contrasto alla dispersione scolastica che per l’acquisizione di nuove tecnologie. Negli anni scorsi per esempio l’IC Rapallo ha completato l’installazione di un laboratorio linguistico all’avanguardia e il Comune è intervenuto per il cablaggio della rete dell’aula. Anche nel caso di questo progetto è stato richiesto un aiuto da parte del Dirigente scolastico per la creazione di altri punti rete Internet e abbiamo risposto positivamente, visto che sarebbero migliorate le dotazioni tecnologiche e quindi le occasioni per i ragazzi di fare esperienze e di sviluppare competenze, migliorando le loro capacità e i loro risultati”. “Da diversi anni – conclude il Dirigente Daneri – l’Istituto percorre vie innovative per la didattica e il coinvolgimento personalizzato degli allievi anche e soprattutto in un’ottica inclusiva. Un progetto consolidato di didattica digitale, con utilizzo di IPAD e LIM, la presenza in tutti gli ambienti (laboratori e aule) di una LIM o un videoproiettore interattivo o un video touch 65″ per sostenere e stimolare la didattica innovativa, il metodo della “classe rovesciata”, la didattica laboratoriale, il tutoraggio interno, la gamification e peer to peer sono già aspetti caratterizzanti l’offerta della scuola, che ci hanno permesso negli anni di ottenere importanti riconoscimenti sia con finanziamenti europei, sia da parte di fondazioni prestigiose come la Compagnia di San Paolo”.  facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmailby feather

ISCRIZIONI PER L’A.S. 2019-2020: TUTTE LE ISTRUZIONI PER L’USO

Written by admin. Posted in News, Notizie home

Su questa pagina troverete tutti i consigli, le notizie e le indicazioni per l’iscrizione all’Istituto Comprensivo Rapallo: CONTROLLATE SPESSO LA PAGINA E CONSULTATE I MATERIALI CHE VERRANNO POSTATI! VI INDICHIAMO I CODICI DA INSERIRE AL MOMENTO DELLA DOMANDA DI ISCRIZIONE, PER RICHIEDERE LA NOSTRA SCUOLA: Primaria:  GEEE85701G     Secondaria di 1° grado:    GEMM85701E http://www.sameer.gov.in/Download/recruitments/new_icon_flashing.gifISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE DEI MODULI ONLINE ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE DELLA RICHIESTA ONLINE – PRIMARIA ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE DELLA RICHIESTA ONLINE – SECONDARIA : copia corretta   ATTENZIONE: per un mero errore di trascrizione, nella versione pubblicata fino al 7-1-2019, c’era  un accenno nella seconda pagina alla ripartizione con i vecchi orari; si ribadisce che tutte le sezioni avranno lo stesso orario, dal lunedì al venerdì dalle ore 7.50 alle 13.55. http://www.sameer.gov.in/Download/recruitments/new_icon_flashing.gif MODULO PER L’ISCRIZIONE ALLA SCUOLA DELL’INFANZIA: da stampare, compilare, firmare da parte di entrambi i genitori nelle varie parti e consegnare in segreteria dal 7 al 31 gennaio 2019. Si ricorda che è necessario portare i seguenti documenti:
  • documento d’identità di entrambi i genitori
  • codice fiscale dei genitori e dell’allieva/o da iscrivere
  • documentazione sullo stato vaccinale
http://www.sameer.gov.in/Download/recruitments/new_icon_flashing.gif    DOMANDE FREQUENTEMENTE POSTE (FAQ) PRIMARIA  SECONDARIA   OBJ12628CRITERI STABILITI DAL CONSIGLIO D’ISTITUTO CRITERI PER L’ACCETTAZIONE DELLE ISCRIZIONI – SCUOLA DELL’INFANZIA CRITERI PER L’ACCETTAZIONE DELLE ISCRIZIONI – SCUOLA PRIMARIA CRITERI PER L’ACCETTAZIONE DELLE ISCRIZIONI – SCUOLA SECONDARIA   LE ISCRIZIONI PER L’ANNO SCOLASTICO 2019-20 SI EFFETTUANO DALLE ORE 8.00 DEL 7 GENNAIO ALLE ORE 20.00 DEL 31 GENNAIO 2019 ESCLUSIVAMENTE ONLINE, PER LA SCUOLA PRIMARIA E LA SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO (elementari e medie). PER L’ISCRIZIONE ALLA SCUOLA DELL’INFANZIA I GENITORI POTRANNO PRESENTARE LA RICHIESTA PRESSO LA NOSTRA SEGRETERIA CON LA DOMANDA CARTACEA. continua a leggere le INFORMAZIONI GENERALI ATTENZIONE! Prima di effettuare l’iscrizione online bisogna registrarsi sul sito di iscrizioni online  per ottenere le credenziali (password e username) per poi effettuare l’iscrizione vera e propria. Questa operazione sarà possibile dalle ore 9 del 27 dicembre 2018 fino a tutto il periodo delle iscrizioni . Vi anticipiamo che per effettuare l’iscrizione direttamente a casa vostra, accedendo al sito web www.iscrizioni.istruzione.it dovrete inserire nel modello telematico il codice della scuola prescelta che qui vi riportiamo: Primaria:               GEEE85701G Secondaria di 1° grado:    GEMM85701E         http://www.sameer.gov.in/Download/recruitments/new_icon_flashing.gif OBJ12628  facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmailby feather

NONNI 3.0: LA TECNOLOGIA SPIEGATA DAI RAGAZZI

Written by admin. Posted in Area genitori, News, Notizie home

Il link al modulo per la richiesta A Rapallo giovani e anziani insieme per usare computer, smartphone e tablet. Con i ragazzi che insegnano ai “nonni” a utilizzare Internet, i social e le applicazioni per cellulare oggi di uso comune. Si chiama Nonni 3.0 il progetto promosso dall’IC Rapallo in collaborazione con la Consulta del volontariato di Rapallo e coinvolge gli alunni della sezione digitale dell’Istituto che durante un mini corso di cinque incontri insegneranno agli anziani interessati a  usare meglio il cellulare e Google Drive, e a scaricare le foto sul pc. Il progetto raccoglie il testimone di un’iniziativa che Mariabianca Barberis, ex dirigente dell’Istituto Liceti, ora in pensione, ha condotto per sette anni nella sua scuola, coinvolgendo, come in altri progetti, i ragazzi in attività utili per la comunità scolastica e cittadina. E qui si inserisce l’importanza della collaborazione con la Consulta del volontariato, la cui Presidente, Ileana Corea, ha assicurato che fornirà supporto agli incontri, come fatto in passato per i progetti del Liceti, con la presenza di volontari che insieme al personale dell’IC Rapallo vigileranno che tutto si svolga nel migliore dei modi. Gli allievi tutors verranno scelti in base alle loro competenze digitali e alla correttezza del loro comportamento: sarà l’occasione, una volta di più, per sviluppare le loro attitudini sociali e civiche; i nonni verranno invece scelti in base all’ordine d’arrivo delle domande; anche il Comitato genitori Rapallo, con la sua Presidente Laura Ercole, veicolerà l’iniziativa. Si parte a gennaio, iscrizioni aperte dal 21 al 31 dicembre, con apposito modulo, che verrà pubblicato sul sito dell’IC Rapallo. Se il corso avrà successo, verrà replicato con altri pacchetti di incontri di formazione.  “La nostra vita di tutti i giorni è caratterizzata dalla presenza delle nuove tecnologie nella maggior parte delle azioni che compiamo a cominciare da quando ci alziamo dal letto – dice il Dirigente scolastico Giacomo Daneri – perché la sveglia ormai viene impostata direttamente sul telefono. E poi usiamo i dispositivi mobili per incontrare le persone, per pianificare le nostre giornate di lavoro, per organizzare i nostri impegni  per verificare quali mezzi dobbiamo prendere, per controllare che strada dobbiamo fare, per comprare il latte, per rimanere in contatto con i parenti, e così via. I ragazzi sono fruitori esperti e disinvolti delle nuove tecnologie, chi meglio di loro può insegnarle agli anziani?” E i nonni? Potranno raccontare ai ragazzi di quando per organizzare un’uscita si chiamavano sul telefoni di casa, magari da una cabina telefonica, o quando le ricerche scolastiche si facevano sfogliando ponderose enciclopedie.facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmailby feather

UN MESE DI SOLIDARIETA’ SPECIALE

Written by admin. Posted in Area genitori, News, Notizie home

L’Istituto Comprensivo Rapallo cambia nome e per un mese diventa l’Istituto Comprensivo PER Rapallo. Le tradizionali iniziative di solidarietà concreta in favore di chi è in difficoltà, in questi giorni che precedono il periodo natalizio, saranno tutte dedicate a chi ha subìto danni nella terribile mareggiata dello scorso 29 ottobre. “In momenti come questi bisogna rimboccarsi le maniche e stringersi accanto a chi è stato colpito – dice il Dirigente Scolastico Giacomo Daneri – l’educazione alla solidarietà, la capacità di condivisione, il sostegno a chi ha bisogno sono valori fondanti del progetto educativo del nostro Istituto e vogliamo trasformarli in gesti di aiuto fattivo. Gli studenti della scuola, dai più piccoli ai più grandi, in queste settimane hanno realizzato oggetti destinati alla vendita e tutte le occasioni di festa (saggi di Natale) o di incontro (ricevimenti generali, visite dei genitori alla scuola per gli open day, ecc.) vedranno raccolte straordinarie, anche con la collaborazione “storica” dell’associazione “Aiutateci ad aiutare”, che individueranno le situazioni più bisognose d’aiuto e consegneranno nuove attrezzature e materiali acquistati con i fondi raccolti. L’iniziativa si affianca alle raccolte “storiche” della scuola: la raccolta degli occhiali usati organizzata dal Lions Club Rapallo a favore delle missioni in vari paesi dell’Africa e la raccolta di giocattoli usati, a sostegno dell’iniziativa “Il ri-giocattolo”, che la Comunità di Sant’Egidio organizza ogni anno a Genova, per finanziare attività di contrasto alla povertà. Le prossime raccolte avranno luogo durante il tradizionale Concerto degli auguri per martedì 11 dicembre 2018, alle ore 16,00 nell’Aula Magna della scuola di via Frantini per i ragazzi delle medie; martedì 18 dicembre concerto corale itinerante con l’intero coro della scuola Pascoli (quasi 300 alunni!) con tappe al Chiosco della Musica, piazzetta Da Vigo e piazzale della Chiesa di Sant’Anna. L’attenzione per la musica e il canto è una delle caratteristiche dell’offerta formativa dell’Istituto. Alle scuole medie è presente infatti una sezione musicale, con lo studio di uno strumento a scelta tra chitarra, tromba, pianoforte e violino. Il corso viene effettuato in aggiunta alle ore di lezione e impegna gli alunni anche in performances di musica d’insieme, attraverso la guida di docenti preparati e competenti: Ilaria Bellìa (violino), Paola Lanzola (chitarra), Paolo Mazza (tromba) e Sara Calandra (pianoforte). Da ormai sette anni l’offerta della scuola si è arricchita con l’inaugurazione di un corso di canto corale, con circa trenta elementi provenienti da tutte le classi dell’Istituto. I ragazzi del coro, diretti dalle insegnanti Metella Pettazzi e Vilma Vasquez, provano per un’ora una volta alla settimana, alla fine dell’orario normale delle lezioni. A quello dei bambini si è aggiunto da un anno il coro degli insegnanti e dei genitori, diretto dall’insegnante Sara Calandra.      facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmailby feather

PATTO DI CORRESPONSABILITA’: ALLEANZA TRA LA SCUOLA E LA FAMIGLIA

Written by admin. Posted in Area genitori, News, Notizie home

Si propone il patto di corresponsabilità tra l’IC Rapallo e le famiglie: è una modalità di collaborazione su valori e regole condivise da scuola e famiglia.   Si propone qui di seguito il testo del patto nella sua versione integrale e anche nelle parti separate, di più agile lettura. testo integrale impegni della scuola impegni della famiglia allegato 1: firme di sottoscrizione Si richiede di sottoscrivere il foglio dell’allegato 1, che anche gli allievi dovranno firmare, e poi di consegnarlo al coordinatore.            facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmailby feather

ATTENZIONE: DATE DELLE PRESENTAZIONI E DEGLI OPEN DAY

Written by admin. Posted in Area genitori, News

A tutti i genitori interessati alle nuove iscrizioni comunichiamo le date e gli orari delle presentazioni della scuola e degli open day. Vi aspettiamo! Secondaria: promemoria stampabile
Scuola secondaria – Medie (ex Giustiniani) Lunedì 19-11 14.30-16.00 Aula magna, Via Frantini Presentazione scuola
Martedì 20-11 14.30-16.00 Aula magna, Via Frantini Presentazione scuola
Giovedì 29-11 16.45-18.00 Atrio Istituto, Via Frantini Visita scuola per i genitori, laboratori per i ragazzi
Martedì 4-12 16.45-18.00 Atrio Istituto, Via Frantini Visita scuola per i genitori, laboratori per i ragazzi
Mercoledì 5-12 16.45-18.00 Atrio Istituto, Via Frantini Visita scuola per i genitori, laboratori per i ragazzi
Primaria: promemoria stampabile
PRIMARIA (Elementari) Martedì 27 novembre 14.30-16.00 Pascoli Presentazione della scuola e dei suoi progetti
Mercoledì 28 novembre 14.30-16.00 Pascoli Presentazione della scuola e dei suoi progetti
Mercoledì 5 dicembre 14.30-15.30 Pascoli Visita scuola e open day  
Venerdì 7 dicembre 11.00-12.00 Pascoli Visita scuola e open day  
Infanzia

PRESENTAZIONE DELLA SCUOLA (ATTIVITA’, PROGETTI, TEMPO SCUOLA, ECC.):

MARTEDÌ 8 GENNAIO 2019, ORE 16.45, PRESSO SCUOLE PASCOLI (SANT’ANNA)

OPEN DAY CON POSSIBILITÀ DI VISITARE LA SCUOLA:

MERCOLEDÌ 9 GENNAIO 2019 ORE 10.15 – 11.30

GIOVEDÌ 10 GENNAIO 2019 ORE 10.15 – 11.30

PRESSO I DUE PLESSI DI VIA BOBBIO E VIA ARPINATI

   facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmailby feather