Scuola Pascoli. Settimana della Memoria: incontro con Giorgio Scocco.

Written by admin. Posted in News, Notizie home

Orrore, ricordi, sofferenza, speranza, conflitti, affetti. Sono questi i sentimenti che emergono durante l’incontro di Giorgio Scocco con gli alunni delle classi quinte che, quasi increduli, lo hanno ascoltato con grande attenzione ed intensa partecipazione. Giorgio è infatti il figlio di Giulio Scocco, un giovane partigiano rapallese che, durante l’ultimo conflitto mondiale, venne catturato dai tedeschi e deportato in Germania; della sua terribile e straziante vicenda, quando era ancora in vita, parlava a fatica, ma ha lasciato un diario, preziosa testimonianza storica, morale e umana, che, per sua volontà e dopo la sua morte avvenuta alcuni anni fa, è stato pubblicato ma mai messo in vendita, solo donato a scuole e biblioteche del territorio e all’Archivio dell’Università. Giorgio ha saputo perfettamente inquadrare il contesto storico-sociale che ha portato allo scoppio della seconda guerra mondiale, gli eventi drammatici dopo l’8 settembre del ’43, la cattura e e la deportazione del padre; ha poi raccontato alcuni fatti avvenuti durante la prigionia: la mancanza di cibo, la violenza gratuita, il lavoro massacrante, l’orrore delle morti. Giorgio, oggi, dedica molta parte delle sue energie e del suo tempo a tenere viva la memoria del padre; gli alunni hanno colto in pieno il valore della sua testimonianza , della sua volontà e del padre, di non far cadere l’oblio su una delle più grandi tragedie della storia, e di passare il testimone alle nuove generazioni, poiché ricordare è far sì che ciò che è stato ieri non si ripeta oggi per costruire un domani libero da intolleranze e pregiudizi. Tutto questo è la Giornata della Memoria.
facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmailby feather